Avviso IQ

JOIN US! – opportunità ad Isola

Sei interessato a collaborare con noi e svolgere uno stage o essere un volontario per le nuove attività della stagione 2017/18 di Isola Quassúd?

Invia il tuo curriculum a isolaquassud@gmail.com (nell’oggetto specifica per stage o volontario).

Di seguito troverai le aree per le quali è possibile proporsi. Inviaci il tuo curriculum, faremo una prima selezione e successivamente saranno contattati telefonicamente i profili più interessanti per un colloquio.

Saranno garantiti i rimborsi spese benzina per gli eventuali spostamenti strettamente connessi all’attività ed, in alcuni casi, i buoni pasto.

Periodo di prova di 2 mesi.

Possibilità, alla fine dell’intero periodo di stage o volontariato, di incentivi e opportunità lavorativa presso l’Associazione.

 

  1. SEGRETERIA ORGANIZZATIVA

Il ruolo prevede la gestione della segreteria dell’associazione (posta mail e cartacea, gestione cancelleria), supporto nell’organizzazione degli eventi.

 

Invio del curriculum entro 27 OTTOBRE 2017

Impegno previsto: 4 mesi, da Novembre a Febbraio e da Marzo a Giugno

Età massima: 28 anni

 

Requisiti:

.titolo di studio scuola superiore o universitario

.ottime capacità organizzative e relazionali

.conoscenza e uso pc (pacchetto office, canali social)

.conoscenza della lingua inglese

capacità di adattamento e di lavorare in un ambiente multietnico

.automunito

.possibilmente residente a Catania e zone limitrofe

 

  1. PROMOZIONE/ GESTIONE HOME RESTAURANT

Il ruolo prevede la gestione della promozione degli eventi/cene

dell’Home Restaurant (comunicazione, promozione, gestione prenotazioni, accoglienza, etc.) in tutti i suoi aspetti.

 

Invio del curriculum entro 27 OTTOBRE 2017

Impegno previsto: 4 mesi in maniera non continuativa da Novembre a Febbraio e da Marzo a Giugno

 

Requisiti:

.titolo di studio scuola diploma superiore o universitario

spiccate doti comunicative

.buona capacità organizzativa e relazionale

.capacità di coordinamento personale

capacità di adattamento e di lavorare in un ambiente multietnico

.conoscenza e capacità utilizzo canali social (Fb, Twitter, Instagram, Google+,…) e offline

.conoscenza e padronanza uso pc (pacchetto word, Adobe Photoshop e Illustrator, possibilmente anche basi sistema HTML)

.conoscenza della lingua inglese

.automunito con disponibilità a spostarsi

possibilmente residente a Catania e zone limitrofe

 

 

19477511_10209315859512888_6101491833620202850_o

ISOLA QUASSÙD, LA CULTURA DELLA DIFFERENZA RINASCE A TEATRO

ISOLA QUASSÙD, LA CULTURA DELLA DIFFERENZA RINASCE A TEATRO

Immigrazione e integrazione: un invito a riflettere sull’interculturalità. A Catania, lo spettacolo diretto da Emanuela Pistone,
con la collaborazione della coreografa internazionale Mamela Nyamza, chiude il progetto Pro/fundus

CATANIA – Crocevia di storie, contaminazioni e sogni sommersi, dove il blu diventa il colore della salvezza e il rumore delle onde scandisce il desiderio di libertà; perché il Mar Mediterraneo non è solo il luogo in cui naufragano gli orrori delle cronache quotidiane, ma è anche simbolo della rinascita e della volontà di non perdere quello zaino fatto di ricordi e di istanti vissuti nei luoghi dai quali si è costretti a scappare.

È questo il tema interpretato dagli artisti dell’associazione culturale Isola Quassùd con lo spettacolo teatrale “Blue Pro/fundus – studio per un rinascita” andato in scena sul palco di Scenario Pubblico, a Catania. «È un invito a riflettere sulla necessità e l’urgenza di restituire a questa contemporaneità il vero senso della vita – spiega la regista e direttrice dell’associazione Emanuela Pistone – con l’intento di riportare dalla profondità del nostro “mare”, inteso come simbolo della coscienza collettiva, una visione costruttiva di un modello sociale non più schiavo della frenesia e dell’apparenza, ma fondato sull’interculturalità e sulla condivisione».

Una performance che è riuscita a coniugare, attraverso una studiata sperimentazione, diversi linguaggi narrativi: quello dell’espressione corporea della coreografa e attivista sudafricana Mamela Nyamza; quello audiovisivo della giovanissima Giada Bellini e di Michele Truglio; quello verbale della regista catanese Emanuela Pistone, integrando la creatività e anche l’emozione della “prima volta sul palco” dei giovani stranieri migranti Abdoulie Razaka Saidu (Nigeria, 18 anni), Diallo Boubacar (Senegal, 20 anni) e Favol Jonxon; e degli attori italiani Yrghalem Teferi Abraha, Claudia Maria Ascanio e Stefania Arianna Di Pietro.

Lo spettacolo conclude la rassegna di attività, incontri e workshop del progetto Pro/fundus – storie di un altro mondo, vincitore del bando “MigrArti 2017 sezione spettacolo” del ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo.

Partner ufficiali dell’intero progetto: I Girasoli di Mazzarino (CL) e International Students Coordination di Siracusa.

26 giugno blue-01

DEBUTTO DI BLUE PRO/FUNDUS, ARTE E TEATRO PER DIALOGO INTERCULTURALE

28 – 29 – 30 giugno, ore 21, Scenario Pubblico (Via Teatro Massimo 16) – Catania

DEBUTTO DI BLUE PRO/FUNDUS, ARTE E TEATRO PER DIALOGO INTERCULTURALE

In scena lo spettacolo prodotto dall’associazione Isola Quassùd, vincitore di MigrArti 2017 del Mibact

CATANIA – Un appuntamento declinato in tre date per valorizzare le diversità e promuovere il dialogo tra le culture attraverso le emozioni del teatro: mercoledì 28, giovedì 29 e venerdì 30 alle ore 21.00 nei locali di Scenario Pubblico di Catania, l’associazione culturale Isola Quassùd porterà in scena “Blue Pro/fundus”, spettacolo teatrale ideato e diretto dalla regista Emanuela Pistone in collaborazione con la coreografa di fama internazionale Mamela Nyamza, nell’ambito del progetto Pro/fundus – storie di un altro mondo, vincitore del bando “MigrArti 2017 sezione spettacolo” del ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo (Mibact).

«Con Blue Pro/fundus abbiamo voluto sperimentare insieme ai diversi artisti – spiega Emanuela Pistone – diversi linguaggi con l’obiettivo di indagare la necessità e l’urgenza di una rinascita, indispensabile all’umanità intera, di restituire il vero senso alla vita sul nostro pianeta».

Le immagini delle straordinarie opere subacquee dello scultore britannico Jason De Caires Taylor e le creazioni di arte contemporanea di Sergio Fiorentino si mescoleranno sul palcoscenico ai movimenti e alle performance dei giovani artisti Yrghalem Teferi Abraha, Claudia Maria Ascanio, Diallo Boubacar, Stefania Arianna Di Pietro, Favol Jonxon e Abdoulie Razaka Saidu.

Per prenotare o acquistare i ticket d’ingresso è possibile contattare l’associazione all’indirizzo isolaquassud@gmail.com oppure al numero 3661176323.

Partner ufficiali dell’intero progetto: I Girasoli di Mazzarino (CL) e International Students Coordination di Siracusa.

 26 giugno blue-01

19264646_10209254455017814_308672200059319551_o

Blue Pro/Fundus, sul palco l’integrazione di Isola Quassùd

28 – 29 – 30 giugno, ore 21, Scenario Pubblico (Via Teatro Massimo 16) – Catania

BLUE PRO/FUNDUS, SUL PALCO L’INTEGRAZIONE DI ISOLA QUASSÙD

Debutto dello spettacolo diretto da Emanuela Pistone con la collaborazione di Mamela Nyamza, nell’ambito del progetto vincitore di MigrArti 2017 dal Mibact

CATANIA – Il rumore del mar Mediterraneo, gli ultimi canti di salvezza, il senso della rinascita raccontata in un vortice di linguaggi sperimentali: da mercoledì 28 a venerdì 30 giugno alle ore 21.00 nei locali di Scenario Pubblico di Catania, andrà in scena lo spettacolo teatrale “Blue Pro/fundus” frutto del lavoro svolto dall’associazione culturale Isola Quassùd all’interno del progetto Pro/fundus – storie di un altro mondo, vincitore del bando MigrArti 2017 promosso dal ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (Mibact).

Ideato e diretto dalla regista Emanuela Pistone in collaborazione con la coreografa di fama internazionale Mamela Nyamza, l’evento finale vedrà sul palcoscenico i giovani artisti Yrghalem Teferi Abraha, Claudia Maria Ascanio, Diallo Boubacar, Stefania Arianna Di Pietro, Favol Jonxon  e Abdoulie Razaka Saidu.

Una “tre giorni” di performance live che concluderà la rassegna di attività, incontri e workshop del progetto premiato dal Mibact, partito lo scorso 4 aprile nel capoluogo etneo e che ha visto la partecipazione di realtà italiate e straniere con l’obiettivo di promuovere in modo non convenzionale l’integrazione.

Per prenotare o acquistare i ticket d’ingresso è possibile contattare l’associazione all’indirizzo isolaquassud@gmail.com oppure al numero 3661176323.

Partner ufficiali dell’intero progetto: I Girasoli di Mazzarino (CL) e International Students Coordination di Siracusa.

19144180_10209223338879930_6839016214659234711_o

Spettacolo Blue Pro/fundus MigrArti 2017

Grazie a MigrArti 2017 debutta a Catania “Blue Pro/fundus – studio per una rinascita“. Una nuova drammaturgia che sperimenta diversi linguaggi per indagare la necessità (e l’urgenza) di una rinascita, indispensabile all’umanità intera; la necessità di restituire senso alla vita sul nostro pianeta. La vita di uomini e donne al di là di qualunque razza, vittime di un nuovo, insensato olocausto. Sulla scena – ingabbiata, prigioniera, all’ultima spiaggia – un’umanità in fuga dal dolore si mescola a un’umanità in fuga da sé stessa, in corsa senza più direzione, senza più attenzione, senza più amore: l’abisso come unica meta, il gioco come anestetico. Un’umanità che tocca il fondo, come un banco di pesci che cerca una via d’uscita; come sirene smarrite nel tentativo di mutarsi in altro da sé, alla ricerca di un appiglio a cui aggrapparsi; come sirene tradite, che affidano alle onde del mare l’ultimo messaggio, l’ultimo canto, l’ultima richiesta di salvezza.

Lo spettacolo chiude il progetto ideato e diretto da Emanuela Pistone per Isola Quassùd, vincitore del bando MigrArti del MIBACT. In questa occasione si rinnova la collaborazione con la grande coreografa e danzatrice Mamela Nyamza che anche quest’anno insieme a Emanuela Pistone firma la regia dello spettacolo, arricchito dai filmati realizzati da Giada Bellini e Michele Truglio.

Le immagini potenti degli straordinari musei subacquei dello scultore Jason De Caires Taylor, insieme ai Tuffatori e ai Sognatori del pittore Sergio Fiorentino si mescolano ai movimenti di scena e alla narrazione liberamente tratta da La Sirenetta di Marguerite Yourcenar.

Interpreti: Yrghalem Teferi Abraha, Claudia Maria Ascanio, Diallo Boubacar, Stefania Arianna Di Pietro e, per la prima volta in scena, Favol Jonxon e Abdoulie Razaka Saidu. Foto di scena Domenico Gennaro.

Si ringraziano per la disponibilità all’utilizzo delle immagini delle proprie opere, Jason De Caires Taylor and CACT Lanzarote e Sergio Fiorentino.

Grazie agli sponsor Etna Congressi e Cardiovascular.

INFO e PRENOTAZIONI 3661176323 o isolaquassud@gmail.com

19055676_10209199866933146_253920979451594210_o

#SAVETHEDATE: spettacolo teatrale “Blue Pro-fundus”

Workshop, incontri, dibattiti, eventi, ma anche storie, emozioni, partecipazione e integrazione: tutto questo è stato il progetto diretto da Isola Quassùd “Pro/fundus-storie di un altro mondo” – vincitore del bando MigrArti 2017 promosso dal ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo – che ha visto al centro di ogni iniziativa giovani migranti e studenti italiani, stimolandone creatività e capacità espressive per creare i presupposti necessari a un riconoscimento di sé e delle proprie identità culturali e di un un nuovo modello sociale fondato sull’interculturalità. La rassegna premiata Pro/fundus, dopo i workshop di teatro e scenografia, vedrà la sua conclusione con uno spettacolo teatrale dal titolo Blue Pro-fundus – Favole cullate nel blu profondo, sussurrate, dipinte, suonate, danzate, scolpite che andrà in scena nei giorni 28-29-30 nei locali dello Scenario Pubblico.

Tre giorni dove i protagonisti saranno i ragazzi della Liquid Company sotto la direzione di Emanuela Pistone e di Mamela Nyamza e l’arte intesa come opportunità di crescita umana e culturale per chi, sbarcando nella nostra terra crede in un futuro migliore.

Per maggiori informazioni seguiteci sulla nostra pagina facebook Isola Quassùd Liquid Company IQLC diretta da Emanuela Pistone

1404925_1380304798877863_2074043983_o

Workshop intensivo Elisabetta Censabella

Continuano le iniziative all’interno del progetto “Pro/fundus-storie di un altro mondo”: prossimo appuntamento dal 19 al 22 giugno 2017 ore 9.30/13.30 con il Laboratorio intensivo condotto da Elisabetta Censabella, fondatrice dell’atelier creativo UTILIS.

Il laboratorio di manipolazione dal titolo “Emozioni Dal Mare” ha come fine la sperimentazione con materie plastiche di riuso. Verranno utilizzate semplici tecniche di lavorazione quali il taglio, l’incollaggio, la fresatura e l’incisione con il fine di dar vita a manufatti ed elementi a carattere utile ed emozionale.
La maggior parte dei materiali utilizzati saranno pannelli di metacrilato e forex già tagliati, scarti di lavorazioni precedenti.
L’ idea progettuale verrà elaborata e discussa durante tutto il percorso creativo.
Il lavoro avrà luogo nel laboratorio produttivo di Utilis, piccola azienda di design che crea complementi d’arredo, lampade, vari oggetti di design e si rivolge a un pubblico che non possiede competenze specifiche. Avrà una durata di di 4 ore al giorno per un totale di 16 ore ore durante le quali verranno realizzate creazioni che potranno essere esposte in spazi dedicati. A fine laboratorio verrà rilasciato un attestato di frequenza.
Il tema del mare, con le sue suggestioni, fungerà da traccia e ispirazione per i partecipanti.

ELISABETTA CENSABELLA è una industrial designer catanese specializzata in design dell’ oggetto. La sua passione è la luce, trasformata in lampade e creazioni luminose realizzate secondo la filosofia del riuso o del riciclo. Si interessa al collegamento trasversale tra le arti spaziando dall’allestimento di interni, alla scenografia, all’arte pura.
Nel 2000 fonda UTILIS DESIGN, proprio studio di progettazione e società dedicata alla creazione, produzione e distribuzione di arredi di design e ornamento in metacrilato.

Varie le pubblicazioni sul tema design come quelle per le riviste Riviste Ad, Mode, Casa Viva, Brava Casa, Vivere, 100 Cose Attiva.

Suo è il libro L’altra faccia di carta recuperata pubblicato da COMIECO

19105681_1369251983112735_4386299037879642614_n

19095469_10209199960695490_7388630184875834766_o

Workshop di Mamela Nyamza

Nell’ambito del progetto “Pro/fundus-storie di un altro mondo” vincitore del bando “MigrArti 2017 sezione spettacolo” del ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, mercoledì 14 giugno nei locali dello “Scenario Pubblico” di Catania si è svolto il workshop intensivo gratuito con la grande coreografa e interprete Mamela Nyamza, danzatrice e attivista, conosciuta per i suoi stili di mescolanza che riescono a sfidare gli standard tradizionali.

Dopo il debutto europeo della sua ultima creazione “De-Apart-Hate” – uno spettacolo commovente e dalla potente forza simbolica sul tema del razzismo in Sudfrica – al Festival Teatherformen di Amburgo,l’artista Mamela Nyamza ha tenuto un laboratorio a Catania dedicato ai linguaggi del corpo che ha visto la partecipazioni di ragazzi italiani e stranieri.

Per visualizzare le foto del workshop qui il link > WORKSHOP MAMELA NYAMZA

19095469_10209199960695490_7388630184875834766_o 19092703_10209199914134326_1766341505259512253_o 19055676_10209199866933146_253920979451594210_o 19093040_10209199349840219_7654887606518100801_o

Comunicato stampa MigrArti 2017

L’Associazione ISOLA QUASSÙD vince anche la seconda edizione del bando MIGRARTI del MIBACT – Giovani siciliani e migranti guidati da professionisti, impegnati in performances, laboratori, attività in scuole, centri di accoglienza, teatri per favorire l’integrazione e lo scambio culturale Evento di apertura mercoledì 12 aprile 2017 alle ore 17,30: ciclofficina Opificio Zeronove in Via Opificio, nel multietnico quartiere San Berillo a Catania con i giovani di Isola Quassùd Liquid Company Il pensiero di Zygmunt Baumann filosofo della “società liquida”, le monumentali opere scultoree sottomarine di Jason De Caires Taylor, una compagnia teatrale composta soprattutto da giovani migranti, il racconto dell’immane tragedia del Mediterraneo che si intreccia con i miti del mare e con l’opera di straordinaria potenza simbolica dello scultore inglese, la salvaguardia e il rispetto dell’ambiente come rispetto di sé, la necessità collettiva di una rinascita possibile solo attraverso la conoscenza e la condivisione di esperienze tra persone di origini diverse ma partecipi di un unico sistema socio-culturale. Con questi temi l’Associazione Isola Quassùd di Catania, attiva dal 2004, ha vinto per la seconda volta il bando “MigrArti” del Ministero per i beni e le attività culturali per il 2017, undicesima in una graduatoria che ha visto oltre 160 partecipanti da tutta Italia e che ha premiato solo i primi 36. Unica realtà in Sicilia orientale. Con il progetto Pro/fundus-storie di un altro mondo, già partito il 4 aprile nelle scuole, e che andrà avanti sino alla metà di luglio, Isola Quassùd continua la sua opera più che decennale “mettendo al centro delle proprie iniziative i giovani stranieri residenti in Italia, stimolandone creatività e capacità espressive, creando i presupposti necessari a un riconoscimento di sé e delle proprie identità culturali, elementi indispensabili per favorire lo scambio tra civiltà e la conoscenza delle culture altre”, come spiega l’animatrice dell’associazione, la regista e attrice Emanuela Pistone, che del progetto Pro/fundus- storie di un altro mondo è deatrice e direttrice artistica. Il progetto premiato dal Mibact è suddiviso in più aree di attività: una serie di incontri tenuti dalla stessa Pistone e Alessandro Cento (biologo marino) in scuole e comunità per migranti, che hanno come tema l’educazione ambientale e la funzione dell’arte, e un concorso di idee per gli stdenti; “I racconti del tè: miti del mare e altre storie” incontri aperti al pubblico basati sulla narrazione di storie appartenenti a culture diverse e sulla condivisione dei rituali del tè e del caffè con Mustfa Abdelkarim, Karim Alishai e i ragazzi della Liquid Company; un laboratorio di narrazione condotto da Emanuela Pistone con diverse collaborazioni di artisti e operatori interculturali (Nawal Soufi, Sergio Fiorentino, Ramzi Harrabi, Luca Zarbano, Marta Blandini); due workshop teatrali, con prove aperte al pubblico, condotti da Christian Di Domenico e Mamela Nyamza; un laboratorio di scenografia e del riuso condotto da Elisabetta Censabella; una giornata di studio sui temi delle migrazioni e dell’integrazione. A fine giugno lo spettacolo “Blue-profundus” in cui saranno in scena i protagonisti della Liquid Company insieme ad artisti di fama nazionale come Andrea Beneventano (pianista jazz), e Luca Zarbano (percussionista) sotto la direzione della stessa Emanuela Pistone e di Mamela Nyamza, artista sudafricana di fama internazionale, giunte alla seconda collaborazione grazie a MigrArti. Il progetto si concluderà a metà luglio, presso l’Osservatorio Astronomico Serralanave sull’Etna. Mercoledì 12 aprile dalle ore 17,30, alla ciclofficina “Opificio Zeronove” di Via Opificio a San Berillo, uno degli appuntamenti di apertura del progetto vincitore di “MigrArti”. Altri appuntamenti da aprile a luglio. Partner ufficiali dell’Associazione Isola Quassùd per il progetto “MigrArti”: Comune di Pedara, Assessorato alla Pubblica Istruzione; Università degli Studi di Catania, Dipartimento di Studi Umanistici; “I Girasoli” ONLUS (Mazzarino); Associazione “International Students Coordination” (Sr).

Info: 095-534366 e 366 1176323 (lun-ven ore 10-18)

email: isolaquassud@gmail.com

DruckLogoMibac_4Righe-bis