I racconti del tè – prossimi appuntamenti

18575512_1152716814840311_2052190546_oI racconti del tè: miti del mare e altre storie

Nell’ambito del progetto dal titolo Pro/fundus-storie di un altro mondo ideato e diretto da Emanuela Pistone e vincitore del bando MigrArti 2017 del MIBACT, Isola Quassùd propone I racconti del tè: sei appuntamenti aperti alla città e alla province di Catania, Siracusa e Ragusa. Dalle città di Pozzallo e Siracusa che dal mare ricevono storie e vite, fino al vulcano Etna dove si concluderanno gli incontri a un passo dal firmamento. Per sognare di nuovi mondi possibili, per ri-trovare il piacere dell’ascolto, per scoprire il suono di nuove voci che si affacciano nella nostra parte di mondo. I racconti e i riti del tè, insieme a piccole prelibatezze ancora sconosciute per i nostri palati, saranno offerti dalle Signore del tè, dai ragazzi del nostro Home Restaurant e della Liquid Company, in compagnia dell’artista tunisino Ramzi Harrabi, e del cantante e musicista persiano Karim Alishai. Dopo i primi due incontri già svolti a Catania e Ortigia (Siracusa), ecco i prossimi appuntamenti:

Giovedì 18 maggio Pozzallo ore 17.30
Isola Quassùd e Centro Mediterraneo di Studi e Formazione Giorgio La Pira presentano:
I racconti del tè con Ramzi Harrabi, Fatima e Shaabia da Siracusa
Emanuela Pistone, Abdoulie Fatty e Mithat Mounir della Liquid Company
presso Centro Mediterraneo di studi e formazione Giorgio La Pira, Via S. Giovanni, Pozzallo (Ragusa) INGRESSO GRATUITO

Mercoledi 24 maggio, ore 17.30
Isola Quassùd e Ingresso Libero presentano:
I racconti del tè con Ramzi Harrabi, Fatima e Shaabia da Siracusa ed Emanuela Pistone
Catania, Piazza Università/ Teatro Machiavelli.
In questa occasione verrà presentato e distribuito l’opuscolo Favole dal profondo edito dalla Casa Editrice DueTreDue che raccoglie tutti gli elaborati presentati dagli allievi di scuole e comunità per stranieri durante il “Concorso di idee – Favole dal profondo”. INGRESSO GRATUITO

Sabato 8 luglio, ore 18.00
Pedara – Expo
Sabato 15 luglio, ore 18.00
Etna – Serralanave – Osservatorio Astronomico


 

Life is beautiful – spettacolo teatrale

Loc LIB modificata-1 DEF18341758_1331918596844539_2220141025005975324_n

LIFE IS BEAUTIFUL – un rito di comunione per le vittime del Mediterraneo

Nell’ambito della manifestazione “Insieme senza frontiere” organizzata dall’associazione “Lo faccio bene”, Isola quassùd presenta:

LIFE IS BEAUTIFUL- UN RITO DI COMUNIONE PER LE VITTIME DEL MEDITERRANEO

Regia Emanuela Pistone

Con Yrgalem Teferi Abraha, Diallo Boubacar, Stefania Arianna Di Pietro, Abdoulie Fatty, Mithat Mounir, Alpha Jallow, Abass Keita, Arouna Kone.

e con Puccio Castrogiovanni

Narrazione poetica del viaggio per mare e canto alla speranza, lo spettacolo è una creazione collettiva dei giovanissimi interpreti stranieri e italiani che lo rappresentano accompagnati da Puccio Castrogiovanni, cantante e polistrumentista siciliano virtuoso del marranzano. Regia di Emanuela Pistone.
L’Associazione Isola Quassùd, dopo la tragedia del 3 ottobre 2013 al largo di Lampedusa, e dopo il drammatico sbarco del 10 agosto 2013 alla Playa di Catania, decide di concentrare le proprie energie in laboratori teatrali rivolti ai giovani migranti approdati in Sicilia, al fine di preservare la memoria, restituire dignità e affetto, e dare loro strumenti per inserirsi nel tessuto sociale catanese, costituendo il 16 ottobre del 2013 la compagnia teatrale interetnica Isola Quassùd Liquid Company (IQLC) diretta da Emanuela Pistone. Formano la compagnia artisti professionisti, studenti universitari italiani e stranieri, Minori Stranieri Non Accompagnati, Rifugiati, Richiedenti Asilo, borsisti internazionali, mediatori culturali.
I protagonisti di IQLC narrano i personali viaggi, raccontano la propria storia, promuovono le proprie culture d’origine, attraverso spettacoli e performances.

Vi aspettiamo al CAMPO SAN TEODORO LIBERATO

via del Giaggiolo

ore 19. 30

Invito alla giornata Storie di un altro mondo – venerdì 5 maggio 2017

All’attenzione dei referenti e dei responsabili degli istituti
scolastici e delle strutture partner di Isola Quassùd per il progetto “Pro/fundus- storie di un altro mondo”.

NELL’AMBITO DEL PROGETTO “PRO/FUNDUS STORIE DI UN ALTRO MONDO.”, le cui attività presso le vostre strutture si sono appena felicemente
concluse, in attesa della giornata di premiazione per il concorso di
idee a cui hanno partecipato i vostri allievi,

SIAMO LIETI DI INVITARVI ALLA

“Giornata di incontro sui temi dell’accoglienza e dell’integrazione
attraverso la cultura” che si terrà
VENERDì 5 MAGGIO ALLE ORE 10 presso il PALAZZO DELLA CULTURA, VIA VITTORIO EMANUELE 121, CATANIA

DATA L’IMMINENZA DELL’EVENTO VI CHIEDIAMO DI RISPONDERCI CON
SOLLECITUDINE E DI INDICARCI QUANTE PERSONE PARTECIPERANNO ALL’EVENTO

ringraziandoVi per la collaborazione, restiamo a disposizione per
qualunque chiarimento

Emanuela Greco
segreteria organizzativa

Comunicato stampa MigrArti 2017

L’Associazione ISOLA QUASSÙD vince anche la seconda edizione del bando MIGRARTI del MIBACT – Giovani siciliani e migranti guidati da professionisti, impegnati in performances, laboratori, attività in scuole, centri di accoglienza, teatri per favorire l’integrazione e lo scambio culturale Evento di apertura mercoledì 12 aprile 2017 alle ore 17,30: ciclofficina Opificio Zeronove in Via Opificio, nel multietnico quartiere San Berillo a Catania con i giovani di Isola Quassùd Liquid Company Il pensiero di Zygmunt Baumann filosofo della “società liquida”, le monumentali opere scultoree sottomarine di Jason De Caires Taylor, una compagnia teatrale composta soprattutto da giovani migranti, il racconto dell’immane tragedia del Mediterraneo che si intreccia con i miti del mare e con l’opera di straordinaria potenza simbolica dello scultore inglese, la salvaguardia e il rispetto dell’ambiente come rispetto di sé, la necessità collettiva di una rinascita possibile solo attraverso la conoscenza e la condivisione di esperienze tra persone di origini diverse ma partecipi di un unico sistema socio-culturale. Con questi temi l’Associazione Isola Quassùd di Catania, attiva dal 2004, ha vinto per la seconda volta il bando “MigrArti” del Ministero per i beni e le attività culturali per il 2017, undicesima in una graduatoria che ha visto oltre 160 partecipanti da tutta Italia e che ha premiato solo i primi 36. Unica realtà in Sicilia orientale. Con il progetto Pro/fundus-storie di un altro mondo, già partito il 4 aprile nelle scuole, e che andrà avanti sino alla metà di luglio, Isola Quassùd continua la sua opera più che decennale “mettendo al centro delle proprie iniziative i giovani stranieri residenti in Italia, stimolandone creatività e capacità espressive, creando i presupposti necessari a un riconoscimento di sé e delle proprie identità culturali, elementi indispensabili per favorire lo scambio tra civiltà e la conoscenza delle culture altre”, come spiega l’animatrice dell’associazione, la regista e attrice Emanuela Pistone, che del progetto Pro/fundus- storie di un altro mondo è deatrice e direttrice artistica. Il progetto premiato dal Mibact è suddiviso in più aree di attività: una serie di incontri tenuti dalla stessa Pistone e Alessandro Cento (biologo marino) in scuole e comunità per migranti, che hanno come tema l’educazione ambientale e la funzione dell’arte, e un concorso di idee per gli stdenti; “I racconti del tè: miti del mare e altre storie” incontri aperti al pubblico basati sulla narrazione di storie appartenenti a culture diverse e sulla condivisione dei rituali del tè e del caffè con Mustfa Abdelkarim, Karim Alishai e i ragazzi della Liquid Company; un laboratorio di narrazione condotto da Emanuela Pistone con diverse collaborazioni di artisti e operatori interculturali (Nawal Soufi, Sergio Fiorentino, Ramzi Harrabi, Luca Zarbano, Marta Blandini); due workshop teatrali, con prove aperte al pubblico, condotti da Christian Di Domenico e Mamela Nyamza; un laboratorio di scenografia e del riuso condotto da Elisabetta Censabella; una giornata di studio sui temi delle migrazioni e dell’integrazione. A fine giugno lo spettacolo “Blue-profundus” in cui saranno in scena i protagonisti della Liquid Company insieme ad artisti di fama nazionale come Andrea Beneventano (pianista jazz), e Luca Zarbano (percussionista) sotto la direzione della stessa Emanuela Pistone e di Mamela Nyamza, artista sudafricana di fama internazionale, giunte alla seconda collaborazione grazie a MigrArti. Il progetto si concluderà a metà luglio, presso l’Osservatorio Astronomico Serralanave sull’Etna. Mercoledì 12 aprile dalle ore 17,30, alla ciclofficina “Opificio Zeronove” di Via Opificio a San Berillo, uno degli appuntamenti di apertura del progetto vincitore di “MigrArti”. Altri appuntamenti da aprile a luglio. Partner ufficiali dell’Associazione Isola Quassùd per il progetto “MigrArti”: Comune di Pedara, Assessorato alla Pubblica Istruzione; Università degli Studi di Catania, Dipartimento di Studi Umanistici; “I Girasoli” ONLUS (Mazzarino); Associazione “International Students Coordination” (Sr).

Info: 095-534366 e 366 1176323 (lun-ven ore 10-18)

email: isolaquassud@gmail.com

DruckLogoMibac_4Righe-bis

Proiezione del film “Per un figlio” di Suranga Katugampala

 

A3_Catania“Un film che segna una data importante nella storia del cinema italiano” secondo il giudizio di Goffredo Fofi. Per un Figlio, scritto e diretto dall’italo-srilankese Suranga D. Katugampala prodotto da Gina Films e distribuito da Antonio Augugliaro, già regista dell’apprezzato Io sto con la sposa, mette in primo piano il tema del confronto fra culture raccontando il difficile dialogo tra una donna srilankese che lavora in Italia e il figlio adolescente, espressione di una nuova generazione.

Giovedì 6 aprile alle 19.30 al Cinema multisala Paradiso Recupero di Via Duca degli Abruzzi 69 a Catania, alla presenza del regista e del distributore, l’associazione Isola Quassùd, con la collaborazione di Agata Ronsivalle, organizza un momento di confronto prima e dopo la proiezione. Introduce Emanuela Pistone regista teatrale e presidente di Isola Quassùd, e coordina l’incontro Alessandro De Filippo docente di Storia e critica del cinema ed Estetica del cinema presso l’Università degli Studi di Catania. Parteciperanno all’incontro le associazioni straniere e le organizzazioni presenti nel territorio.

Per un Figlio è stato realizzato anche grazie al supporto del Premio Mutti – AMM, che da anni rivolge la propria attenzione ai registi migranti attivi in Italia ed uscirà al cinema il 30 marzo. Il film è il primo lungometraggio di un cineasta figlio di immigrati srilankesi che mette insieme elementi e valori della propria cultura di origine con quelli della cultura italiana, paese nel quale l’autore è cresciuto e ha studiato. Il film è anche il primo esempio di uno sguardo cinematografico di un autore di “seconda generazione”.

Per un figlio” è girato a Verona dove Suranga D. Katugampala è cresciuto e vive. Lì Sunita, una donna srilankese di mezz’età, divide le sue giornate tra il lavoro di badante e un figlio adolescente. Fra loro regna un silenzio pieno di tensioni. È una relazione segnata da molti conflitti. Essendo cresciuto in Italia, il figlio fa esperienza di un’ibridazione culturale difficile da capire per la madre, impegnata a lottare per vivere in un paese al quale non vuole appartenere.

Nel film Sunita è interpretata da Kaushalya Fernando, una delle più grandi attrici dello Sri Lanka (Caméra d’Or a Cannes 2005 con il film La terre abandonnée), il giovane protagonista Julian Wijesekara nel ruolo del figlio, qui è alla sua prima prova da attore.

A proposito del film dice Suranga D. Katugampalal’unica cosa certa era l’urgenza di raccontare, di dire “noi ci siamo”, “le nostre storie sono anche le vostre storie, le storie di un mondo comune. E’ nato un film minimalista – spiega – Il sogno di un cinema semplice si stava realizzando mentre noi cavalcavamo l’onda felice di raccontare la nostra storia. Abbiamo unito le forze, affrontato mille problemi, srilankesi ed italiani, perché era la storia di ognuno di noi”.

 I primi flussi migratori dallo Sri Lanka verso l’Europa sono avvenuti intorno agli anni 70, verso l’Italia all’inizio degli anni 90. Da allora sono passati molti anni. Parole come colf, badante, immigrazione, integrazione, razzismo ci hanno accompagnati in questo tempo. Chi parte dal proprio paese di origine affronta uno sradicamento socio-culturale ma si trova anche davanti alla possibilità di un altro radicamento.

E intanto nascono i figli o i figli si ricongiungono alle madri, come capita a Sunita. I figli crescono in un Paese che iniziano a sentire loro mentre i genitori lo vivono come un luogo, solo e per sempre, di passaggio. Questo è ciò che ci racconta il film.

Per un figlio” è stato scritto da Suranga D. Katugampala e da Aravinda Wanninayaka, è stato prodotto e distribuito da Gina Films di Antonio Augugliaro – regista di “Io Sto con la Sposa”. In collaborazione con Gianluca Arcopinto, Cineteca di Bologna, Kalà Studio, Archivio Memorie Migranti, Amici di Giana. Il film ha vinto nel 2016 il premio della giuria al Pesaro Film Festival. Nel 2017 è stato selezionato al Dhaka International Film Festival e al Tallinn Black Night Film Festival. Nel cast anche Louis Shirantha Fernando e Isabella Dilavello.

 

Isola Quassùd Home Restaurant 2017

 

 

 

DSC01840

Tra le numerose e varie attività che distinguono l’operato di Isola Quassùd, anche quest’anno gli incontri settimanali di Home Restaurant stanno raccogliendo numerosi consensi, sia da parte di chi ci segue ormai da anni, sia per i nuovi soci. Decidere di partecipare alle nostre cene significa non solo sostenere un grande progetto di integrazione, crescita professionale e lavorativa ma significa anche conoscere la bellezza di culture diverse dalla nostra, confrontarsi, ascoltare le storie dei ragazzi della Liquid Company e scorgere nei loro occhi la voglia di realizzare un sogno. 2Abbiamo iniziato a febbraio con gli squisiti piatti gambiani del cuoco Abdoulie per passare alla cucina eritrea delle cuoche Elsa&Haregu, colonne portanti del nostro Home Restaurant. Lo staff è composto da Mithat, egiziano, Alpha, gambiano, Abdoulie, gambiano e Stefania, siciliana! Il tutto è coordinato dalla presidente dell’associazione, nonchè regista e direttrice della Liquid Company, Emanuela Pistone. Vi aspettiamo tutti i venerdì fino a maggio per partecipare ad una delle nostre cene!